Il disastro del traghetto Norman Atlantic visto dai social media | My web 2.0
Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Il disastro del traghetto Norman Atlantic visto dai social media

28 Dic Posted by in Storify | Comments

L’impressione è che ciò che si è osservato sui social media in occasione del disastro del traghetto Norman Atlantic sia emblematico di un certo modo di fare informazione.

Mentre 478 persone lottano tra la vita e la morte su una imbarcazione alla deriva in mezzo al mare in tempesta, i social media diventano un canale sia per raccogliere informazioni che per distribuirle.

Il campionario che ho rilevato è estremamente vario e comprende per esempio:

  • la costruzione di notizie con informazioni eterogenee (riprese aeree, foto, video, mappe, timeline) e formati narrativi di vario tipo
  • la condivisione di informazioni utili (per es. la lista dei passeggeri)
  • i commenti a caldo
  • la partecipazione dei cittadini nel costruire e distribuire le informazioni
  • l’aggregazione (hashtag) e il filtro delle informazioni (fact checking)
  • i canali ufficiali che sbagliano gli hashtag (causa refusi o frammentazione eccessiva)
  • i siti di streaming di partite di calcio che utilizzano l’hashtag hijacking
  • le redazioni (Repubblica e Rai News) che chiedono informazioni in privato ai naufraghi.

In compenso, solo grazie ai social media (e non alle testate registrate, che immagino arriveranno più tardi) ho scoperto un aspetto importante: sembra che appena dieci giorni prima il traghetto aveva subìto una ispezione, dalla quale sarebbero emersi il malfunzionamento delle porte antincendio e l’assenza dei sistemi di emergenza. Nonostante questo, il traghetto svolgeva regolarmente servizio. Se nel frattempo era stato messo tutto a norma verrà stabilito nelle indagini dei prossimi giorni.

norman-atlantic-1

Qui di seguito c’è lo Storify dove ho raccolto e sintetizzato tutto.

 


Leave a comment