Decalogo per Social Media Analytics | My web 2.0
Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Decalogo per Social Media Analytics

04 Giu Posted by in Uncategorized | Comments

Per realizzare l’analisi di Pisapia e Moratti su Twitter alcuni giorni fa utilizzai uno degli strumenti di Neoformixrilasciato lo scorso aprile.

Mi servì solo come punto di partenza, per mettere a fuoco e contestualizzare i dati rilevanti, un po’ come se fosse una lente d’ingrandimento: il resto lo feci tutto a mano, armato di intuito e capacità analitica.

In precedenza avevo già utilizzato in passato altri strumenti di Neoformix, sia per la case history su Kenneth Cole (se non l’avete ancora letta, guardatela ora) e l’altro addirittura un anno fa per lo streaming sui mondiali di calcio.

Tutto questo per dire che:

  1. non esiste uno strumento di analisi superiore a tutti gli altri a prescindere dal contesto
  2. è importante capire quale sia lo strumento più adatto all’analisi che vogliamo compiere
  3. le directory degli strumenti sono utilissime, quanto inutili se questi strumenti non li si conosce né li si è utilizzati almeno una volta per conoscerne potenzialità e limiti
  4. un ottimo strumento usato male non potrà MAI dare buoni risultati
  5. uno strumento che restituisce ottimi risultati ma possiede scarse capacità di visualizzazione, esportazione, condivisione e rielaborazione NON è un ottimo strumento
  6. difficilmente un singolo strumento sarà esaustivo: a volte si ottengono risultati migliori combinando contemporaneamente più strumenti, per avere punti di osservazione diversi, per avere livelli di precisione diversi e per passare i dati da uno all’altro
  7. lo strumento non deve pensare né trarre conclusioni, ma deve rendere i dati visibili e comprensibili per la mente umana
  8. la componente umana è imprescindibile per fare delle Social Media Analytics di qualità
  9. molte analisi eccellenti probabilmente non sono mai state pubblicate perché portate avanti autonomamente e poi abbandonate per mancanza di risorse, tempo o idee: distribuire le attività sfruttando le reti collaborative è spesso una scelta vincente.
  10. un’analisi dai risultati apparentemente banali può rivelare informazioni preziosissime se letta in ottica ecosistemica

A proposito: AllTwitter ha segnalato lo stesso strumento due settimane dopo la mia analisi (son cose…)

 


Leave a comment