Come sta cambiando il mondo? [Infografica interattiva] | My web 2.0
Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Come sta cambiando il mondo? [Infografica interattiva]

02 Ott Posted by in Uncategorized | Comments

Ho scoperto questa interessantissima presentazione interattiva, ottima anche per un utilizzo didattico. E’ divisa in cinque aree di interesse (abitanti, pianeta, economia, politica e stili di vita), ciascuna analizzabile ulteriormente in dettaglio.

Ho così avuto molte conferme, come le morti di AIDS concentrate in Africa, l’analfabetismo in India e Pakistan e la malaria in India, che purtroppo in medio ed estremo oriente la pena di morte è ancora molto diffusa, che in Africa ci sono più colpi di Stato che elezioni. Non mi ha sorpreso nemmeno vedere che l’Italia è sedicesima per le linee telefoniche fisse ma è nona sugli abbonamenti a cellulari e quarta sul numero di auto circolanti.

Ho scoperto cose che ignoravo, come che il numero di incidenti mortali è maggiore nel Terzo mondo, che notizie provenienti da diverse altre nazioni sono più presenti sulla versione inglese di Google News che non quelle che riguardano l’Italia, che in Italia le persone che giocano a calcio sono un terzo rispetto agli USA, che la tubercolosi e le morti infantili sono altissime in India e Pakistan, così come gli aborti in Cina.

Ho scoperto cose che mi hanno sorpreso, come sapere che Russia e Canada non sono più tra i granai del mondo, che il maggiore produttore di cacao del mondo non è il Brasile ma sono la Costa d’Avorio e il Ghana, che il piccolo Qatar è il terzo produttore di gas del mondo, che Germania e Giappone sono all’avanguardia nello sfruttamento dell’energia solare, che Germania e Spagna producono molta energia eolica, che la Cina produce più CO2 degli USA, che le maggiori risorse idriche (il petrolio del futuro) sono concentrate in Sudamerica, che la Norvegia ha il terzo PIL pro-capite, che McDonald’s in Giappone ha tanti ristoranti quanto UK, Germania e Francia insieme, che la presenza femminile nel parlamento USA è bassissima, che la Germania ospita ben mezzo milione di profughi, che la Russia sia clamorosamente indietro in quasi tutte le classifiche.

Ho visto persino che, per essere una nazione impegnata negli ultimi 65 anni solo in missioni di pace o di supporto, l’Italia è al nono posto come spesa in armamenti, praticamente la metà di quanto spende una potenza nucleare come la Cina.

 


Leave a comment