Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Finalmente Etalia: una piattaforma italiana per guadagnare dai propri contenuti

07 ott Posted by in Uncategorized | 1 comment

etalia-logo

Etalia è una piattaforma per la condivisione di contenuti dove chi legge può crearsi la propria edicola virtuale e chi scrive o condivide può guadagnare.

Annunciata durante il Festival del Giornalismo 2012, oggi si apre ufficialmente (e finalmente, visto che aveva suscitato parecchio interesse) a tutti.

 

Come funziona

Se voglio ricercare articoli, posso sfruttare un potente (così almeno me lo ricordo dalla precedente presentazione) motore di ricerca interno per contenuti e utenti; inoltre potrò memorizzare i miei criteri di ricerca più utilizzati. Trovato ciò che mi interessa, posso memorizzarlo e organizzarlo.

Se voglio produrre contenuti, posso farlo sia singolarmente che collaborativamente (quest’ultimo è il caso dello Shared Journal).

A margine, ci sono strumenti di analisi di popolarità e ricavi, piuttosto che di personalizzazione del proprio profilo: per esempio è possibile crea­re dif­fe­ren­ti pro­fi­li, cia­scu­no con­fi­gu­ra­to in ba­se a di­ver­si in­te­res­si e abi­tu­di­ni di let­tu­ra.

Unica pecca, a mio modesto avviso, l’editor scarno che limita un po’ la creazione di contenuti. Questo video mostra i principi su cui si regge Etalia.

 

Come si guadagna

Questa è la parte più interessante, perché vengono premiati sia l’au­to­re che chi ne dif­fon­de i con­te­nu­ti; si possono guadagnare crediti da spendere sulla piattaforma o convertire in denaro (appena raggiunto il limite di 60€).

La gran­de mag­gio­ran­za dei con­te­nu­ti e dei Jour­nal di­spo­ni­bi­li su Eta­lia so­no gra­tui­ti, ma ogni uten­te può de­ci­de­re di con­tras­se­gna­re al­cu­ni con­te­nu­ti o Jour­nal co­me Pre­mium: que­sto si­gni­fi­ca che po­tran­no ac­ce­der­vi so­lo coloro che avran­no pa­ga­to il prez­zo in cre­di­ti Eta­lia de­fi­ni­to dal pro­prie­ta­rio.

Le prin­ci­pa­li mo­da­li­tà di ven­di­ta su Eta­lia so­no due:

  • Con­te­nu­ti Pre­mium (prezzo stabilito dal proprietario) Il singolo contenuto è visionabile come anteprima e acquistabile
  • Abbonamenti a un Journal: Quest’ultimo può contenere contemporaneamente contenuti gratuiti e premium, dove questi ultimi saranno visionabili come anteprima

Di seguito, un riepilogo grafico delle possibili combinazioni.

etalia-revenue

Stasera comunque sarò presente alla presentazione, invitato dal team di Etalia, con l’obiettivo di capirne di più (intanto, mi sono già creato un paio di Journal): vediamo se riesco a fare un po’ di liveblogging.

 

Infine, il comunicato ufficiale del lancio di Etalia.net

 

Milano, 23 settembre 2013 – È tutto pronto per il go live di Etalia: la nuova piattaforma sarà accessibile a tutti all’indirizzo www.etalia.net a partire da lunedì 7 ottobre. Per l’occasione è stato organizzato un evento di lancio a Milano in collaborazione con Talent Garden, lo spazio di co-working utilizzato dalle start-up cittadine.

E’ ancora possibile in questi ultimi giorni richiedere l’accesso alla Private Beta, on line da alcuni mesi, che ha già registrato grande interesse tra gli utenti on line.

Etalia è una piattaforma per la diffusione di contenuti, che permette agli utenti di consultare e condividere notizie provenienti da molteplici fonti editoriali, aggiornate in tempo reale, costruire veri e propri giornali personalizzati e fondare nuove testate digitali. Il tutto incentivato da un innovativo modello di business.
Etalia è stata fondata a Lugano (Svizzera) da Nicola Alex Tateo e Aldo Daghetta, giovani imprenditori italiani, sostenuti da noti investitori italiani e svizzeri che hanno creduto sin dall’inizio nel progetto.
Nicola Alex Tateo, CEO di Etalia, esprime così la sua soddisfazione per questo primo traguardo raggiunto: “A poche settimane dal go live, il lavoro per la messa a punto della piattaforma è ancora intenso, ma la gratificazione è molto alta. Siamo riusciti a sviluppare un ambiente in cui alle potenzialità offerte dalla tecnologia si affianca un servizio concepito e modulato sulle esigenze degli utenti. Etalia può rivoluzionare le modalità di fruizione delle news, andando a creare un vero e proprio ecosistema dell’informazione. Siamo fiduciosi in una risposta positiva del mercato – continua Tateo –, non solo in Italia ma anche all’estero, in particolare negli Stati Uniti dove abbiamo già avviato dialoghi con editori e investitori per essere operativi a breve.”
Gli utenti di Etalia avranno a disposizione strumenti flessibili per la lettura e la produzione di news, in grado di ampliare le possibilità di accedere alle fonti di informazione con reciproci vantaggi per autori e lettori.

Per Aldo Daghetta, CCO di Etalia e Country Manager di Etalia Italy, la piattaforma è una risposta concreta a esigenze diverse, e il suo successo sarà determinato da tutti gli attori coinvolti: “Etalia è nata per essere un progetto win- win, dove a tutti i soggetti coinvolti è riconosciuto un valore. Il nostro modello di business già brevettato basato sul revenue sharing ne è una conferma, infatti Etalia vuole essere uno strumento concreto per far fronte a tanti problemi attuali nel mondo del giornalismo. La piattaforma – conclude Daghetta – vuole favorire la diffusione e condivisione delle notizie, permettendo ai cittadini di informarsi in modo completo e consapevole”.
Grazie a queste caratteristiche, Etalia è in grado da un lato di valorizzare il giornalismo indipendente, offrendo rilievo e visibilità a una serie di fonti alternative, blogger, freelance ed esperti di ogni settore; dall’altro propone agli editori tradizionali un’efficace sperimentazione per valorizzare la propria professionalità on line, dove ancora oggi l’informazione soffre di un processo di sviluppo incompleto.

A tutti, senza distinzione, Etalia offre un modello di business unico per monetizzare finalmente in misura adeguata il frutto della propria attività, introducendo un sistema di redistribuzione dei ricavi provenienti sia dalla vendita del contenuto sia dalla pubblicità associata.
Una vera rivoluzione sta per coinvolgere l’intero mondo dell’informazione digitale.

“Et alia”, “e altri” è una locuzione latina solitamente usata nelle citazioni, per indicare che oltre all’autore citato esistono anche altre fonti che trattano il medesimo argomento. Proprio quello che accade su Etalia, dove il punto di vista su una notizia non è mai unilaterale: su ciascun argomento il lettore può consultare una pluralità di fonti, confrontandole e contribuendo con un proprio contenuto, che potrà essere messo a disposizione degli altri utenti per arricchire il patrimonio di informazioni.

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

 

One comment


Leave a comment