Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Il quotidiano

01 Set Posted by in Uncategorized | Comments

Oggi, da solo mentre bevevo il caffè alla macchinetta, l’occhio mi cade su un quotidiano.

E’ appoggiato sul tavolino dei visitatori, sopra alcuni dei nostri periodici; visitatore pure lui, visto che noi non realizziamo quotidiani.

Mi avvicino e lo prendo in mano. Si, l’ho fatto davvero.

I miei sensi impiegano qualche istante per riabituarsi a quella strana sensazione e a quel particolare odore di carta mista a petrolio pigmentato, dimenticati da almeno un anno. La carta non è come quella patinata, dove anche con le grammature più ridotte i polpastrelli scivolano delicatamente, un po’ come sui touchscreen dei tablet con la mela. Quasi, perché ogni tanto le pagine si appiccicano, se la rivista è nuova.

Mi ricordo quando anni fa compravo spesso quel quotidiano finanziario: entravo nell’edicola della palazzina accanto e trovavo già pronto sul bancone “il solito”, con il resto pronto nel piattino. Il giovedì in particolare era un appuntamento fisso perché c’era l’inserto, quello diretto dal giornalista con la barba.

Peccato che non ci sia più, lo compravo quasi esclusivamente perché lui vi scriveva: ora però lo seguo sul suo blog personale, dove continua a scrivere pensieri illuminanti.

Vediamo cosa dicono oggi: gli occhi lentamente scendono sulla homepage per cogliere le breaking news.

Credo che sia di oggi, il giornale; non ho guardato la data perché non la guardo mai. Guardo solo la data degli articoli. Se la notizia è in home page significa che è per forza di oggi, no?

Le Borse, la Finanziaria, cose già lette; pare persino che stiano cambiando ancora.

Faccio lo scrolling fino in fondo, con l’occhio allenato che schiva agilmente i fastidiosi banner.

Boh, a colpo d’occhio non mi colpisce niente in particolare.

Vorrei fare una search sui contenuti, ma che cerco? In questo momento ho poca fantasia: andiamo di serendipity!

Salto in avanti fino a una pagina a caso. Toh, Scajola e la casa al Colosseo pagata a sua insaputa.

E’ da ieri che lo ripetono che ci dorme soltanto: l’ho già twittata e tumblerata non so quante volte.

Credo di averci fatto anche qualche fotomontaggio: è una cosa che mi diverte, specie se vedo che i miei amici poi apprezzano e magari ricondividono a loro volta con altre persone.

Alcuni miei amici hanno scritto alcuni articoli e alcuni tweet simpatici, su questa storia; li ho letti con piacere perché riescono a farmi sorridere anche su queste cose dove verrebbe voglia di incazzarsi come Mike Tyson quando qualcuno lo guarda fisso negli occhi per più di tre secondi.

Vorrei cambiare pagina, ma queste dimensioni così ampie mi impacciano.

E poi c’è questo colore roseo che mi infastidisce un po’: devo mandare un feedback al webmaster per dirgli che se lo sfondo fosse bianco l’occhio mi si stancherebbe di più, ma almeno distinguerei meglio il testo.

Chiudo la finestra e ripongo il tutto, un po’ deluso.

Non ho trovato spunti per me da mettere nei bookmark e rileggere con calma, nemmeno da condividere con i miei amici.

Quasi quasi parlo un po’ di me stesso, magari di cosa provo nel leggere le notizie.

 


Leave a comment