Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Come gestire 100 milioni di commenti

03 Ago Posted by in Uncategorized | Comments

Arianna Huffington piazza lì un dato che da solo rende l’idea di cosa sia oggi l’Huffington Post.

Cento. Milioni. Di. Commenti.

Provate un attimo a pensare cosa significhi pubblicare qualcosa e vedere cento milioni di volte qualcuno che dedica parte del suo tempo per dirti cosa ne pensa: è un engagement mostruoso.

Rispetto a Mashable, io ho scelto di non utilizzare un titolo che enfatizza questo dato come un punto di arrivo, bensì come un punto di partenza.

Ok, è una cifra che solo a pensarci fa venire le vertigini e ti chiedi quale sia la ricetta magica per replicare cotanto successo in un altro contesto (il tuo, ovviamente), ma è proprio una volta raggiunta che cominciano i problemi maggiori.

Come si gestiscono 100 milioni di commenti?

Non è la stessa cosa che gestire il blogghettino o la paginetta su Facebook: qui occorrono i superpoteri, cioè persone estremamente appassionate, strumenti di filtraggio, un buon numero di risorse e un’organizzazione esemplare.

Arianna Huffington ci spiega come funziona la loro gestione.

Sinceramente, nel leggere che a tutto questo sono dedicate solo 30 persone sono rimasto piuttosto incredulo: parliamo sempre di oltre 5.800 commenti a testa moderati al giorno – mica cotiche – anche coadiuvando il monitoraggio manuale con i rilevamenti automatici.

In una realtà simile la tempistica di intervento dei moderatori è fondamentale, sia per mantenere fluide le discussioni e sia perché altrimenti i commenti tracimerebbero.

Una delle scelte che hanno stimolato maggiormente il livello di interazione dei lettori sembra che sia stata quella dei badge per premiare e identificare i commentatori, un po’ forumistica e poco originale, se vogliamo, ma efficace.

[EDIT 21 AGOSTO 2011]

A parziale spiegazione del quesito iniziale, segnalo un articolo che spiega come l’Huffington Post si avvantaggi dall’utilizzo di tool semantici nella moderazione on-line.

 


Leave a comment