Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

The Daily flop

24 Feb Posted by in Uncategorized | Comments

Lanciato il 2 febbraio e offerto gratuitamente per le prime due settimane, The Daily sarà gratuito per altre  due settimane.

I numeri degli abbonati a The Daily non sono noti e c’è il forte sospetto che dietro questa scelta ci siano delle vendite molto al di sotto delle aspettative.

L’investimento per il progetto e per la realizzazione della piattaforma – ricordiamolo – è stato di ben 30 milioni di dollari.

Nonostante il rilascio di aggiornamenti all’app – necessari per risolvere i frequenti crash in fase di apertura – rimangono ancora problemi di stabilità. Non si capisce quindi come mai News Corp. abbia scelto di non partire inizialmente con una beta pubblica.

Il costo è di 0,99$ per una singola settimana oppure di 39.99$ all’anno; nonostante alcune edizioni arrivino anche a 100 pagine, secondo molti mancano inspiegabilmente i contenuti.

Quelli presenti sono simili a quelli di un magazine, solo pubblicati con cadenza quotidiana.

The Daily non fornisce nessuna indicazione sui contenuti pubblicati sulla piattaforma, cosicché una persona non può sapere se questi possono essere di suo interesse prima di acquistarli.

L’unico indice esistente sui contenuti è stato creato da Andy Baio, un lettore che ha messo gratuitamente a disposizione della comunità questo servizio.

Ora Andy ha smesso, dopo che gli è scaduto il periodo di prova e ha deciso che per lui non valeva la pena abbonarsi a The Daily.

In questo post spiega come automatizzare il rilevamento dei link degli articoli; dice anche che cede gratuitamente la gestione del Tumblr a chiunque voglia proseguire questa attività al posto suo.

Non è chiaro se sarebbe stato disposto a proseguire gratuitamente a oltranza; forse l’avrebbe fatto se i contenuti avessero catturato il suo interesse. Oppure gli sarebbe bastato non rimetterci di tasca sua (parliamo di una quarantina di dollari, contro un investimento di 30 milioni di dollari di The Daily).

Qui News Corp. è colpevole e assente su vari fronti: per non aver previsto feed né indici, per non aver coinvolto Andy Baio sul progetto e per lasciare morire questo servizio che gli portava molti lettori.

The Daily è come una bella donna che ti invita a cena ripetutamente e le prime volte offre addirittura lei. Tu accetti ma ti accorgi che oltre le apparenze c’è ben poco: ogni volta che apre bocca dice cose noiose o datate.

Personalmente non pagherei per un numero di un qualsiasi quotidiano digitale ma pagherei per un flusso costante di notizie che coprano tutte le 24 ore della giornata.

E’ proprio il concetto di quotidiano che non mi attira.

Mi sarebbe piaciuto anche vedere un contenitore come The Daily con dietro una filiera di produzione dei contenuti come quella dell’Huffington Post, adeguatamente retribuita.

 


Leave a comment